I Cappuccini a Morano Calabro

I Cappuccini a Morano Calabro 2016-11-19T10:55:01+00:00

I Cappuccini a Morano Calabro

Il convento dei Frati Minori Cappuccini di Morano Calabro (CS), sede del noviziato della nostra Collaborazione, si erge al centro del magnifico scenario formato dai monti della Calcinaia, dal suggestivo borgo medievale (insignito negli ultimi anni di vari riconoscimenti per il suo valore storico-artistico) e da una fertile pianura, delimitata dai contrafforti del Pollino. L’ambiente naturale, che richiama al silenzio e alla contemplazione, ha accolto la Riforma cappuccina sin dal Cinquecento.
La presenza dei frati, infatti, risale al 1598, per volere del sacerdote moranese don Ambrogio Cozza, spinto alla devozione verso san Francesco d’Assisi a causa di un miracolo ricevuto. Don Ambrogio desiderava che i frati cappuccini trovassero una dimora stabile a Morano, e così aiutato dalla popolazione si organizzò affinché essi potessero avere un loro convento. Nel 1606 finalmente i lavori di costruzione del convento e della chiesa, dedicata proprio al Padre Serafico san Francesco, furono portati a termine e i frati vi si poterono trasferire. Nel tempo vi fiorì la santità, la scienza teologica, l’arte della scultura lignea, testimoniata dagli splendidi arredi della chiesetta, e l’umile impiego della coltivazione dell’orto (che tuttora produce ottime verdure).
Dopo due secoli di attività, il 7 agosto 1809 il convento fu chiuso in seguito alla soppressione degli ordini religiosi, attuata da Gioacchino Murat. Per ben 43 anni il complesso conventuale rimase chiuso, a causa dell’inagibilità della struttura.
Una prima rinascita del luogo cappuccino si deve al re Ferdinando II, che passando per Morano avviò, su richiesta dello stesso popolo moranese, i lavori di ripristino della struttura, che durarono dal 1852 al 1855. Il 16 settembre 1855 i frati cappuccini fecero solennemente ritorno nel loro convento; ma il suo ripristino durò poco a causa della legge di soppressione emanata dal Governo italiano il 7 luglio 1866. I frati presero nuovamente possesso del convento il 6 giugno 1874.
Dal 1884 al 1889 il convento di Morano è stato casa di noviziato, preludio della sua destinazione attuale, che dura ormai da 25 anni. Infatti, dal 1990 ad oggi il convento moranese continua ad ospitare giovani novizi provenienti dal sud Italia (e ormai non solo…), che mossi dell’esempio di san Francesco scelgono di consacrare la loro vita al Signore nella famiglia francescano-cappuccina.

Contatti:
Convento “San Francesco d’Assisi”
Noviziato CIFIS
87016 Morano Calabro (CS)
Tel. Fax 0981/31108
Parrocchia extraconventuale “S. Pietro” Tel. 0981/31138

X